Amburgo: una città ricca di sorprese

Mi sono ritrovato ad Amburgo un weekend ad inizio giugno. E’ stato quasi per gioco, per soddisfare il desiderio di visitare una città del nord Europa che non fosse la solita capitale. Cercavo anche una località dal clima mite primaverile, dove il grande caldo non fosse ancora arrivato.

Ho scoperto così una città ricca di vita e posti da visitare. Sono stati giorni di piacevoli passeggiate tra i diversi quartieri di questa città/stato. Il clima è stato particolarmente caldo e afoso, ma questo non mi ha fermato. Ho macinato chilometri tra un grande magazzino e i pontili in riva al fiume Elba.

Ho fatto il turista in mezzo a tanti turisti. Pochi gli italiani che scelgono come meta Amburgo. Ho visitato i luoghi storici della città e i nuovi quartieri in pieno sviluppo edilizio, al posto dei vecchi magazzini di stoccaggio.

DOV’E’ AMBURGO

Amburgo è nel nord/ovest della Germania, più a nord di Berlino e anche di Londra. Si trova sull’estuario del fiume Elba, ed è proprio grazie alle acque navigabili di questo fiume che è diventata il secondo porto d’Europa per volume di traffico. Per molto tempo, i grossi porta-container arrivavano fin nel cuore della città, attraversata da una fitta rete di canali. Oggi le attività si sono spostate nelle aree a sud dell’Elba, liberando moltissime zone del centro, ora diventate moderne zone alla moda.

Amburgo, Germania, centro, città, vacanza, weekend
Il centro di Amburgo

Sono i quartieri dei vecchi depositi di stoccaggio delle merci, riconvertiti in eleganti palazzi con affaccio sui canali. Intorno a questi edifici si sono moltiplicati locali dove andare a bere una birra, ascoltare musica dal vivo o mangiare in un romantico ristorante.

Si può anche semplicemente passeggiare tra un canale e l’altro e rimanere affascinati da come questi quartieri siano cambiati nel tempo. Infatti, per aiutare i turisti più curiosi, non mancano pannelli informativi che raccontano, anche con l’ausilio di foto d’epoca, come si sia evoluta la città negli anni.

Tra i tanti cambiamenti che ha visto la città, uno che sicuramente spicca agli occhi dei turisti è il modernissimo edificio della Filarmonica dell’Elba.

Amburgo, Germania, Filarmonica, Elbphilharmonie, Hafen city
La Filarmonica dell’Elba

ELBPHILHARMONIE DI AMBURGO

La Filarmonica dell’Elba sorge sopra un vecchio magazzino di stoccaggio nel quartiere di HafenCity, sulla riva dell’Elba. L’edificio ospita tre sale da concerto, una delle quali tra le più grandi ed avanzate del mondo. Ci sono pure un lussuoso hotel, 44 appartamenti e qualche ristorante.

E’ visitabile gratuitamente acquistando il biglietto direttamente all’ufficio informazioni che si trova di fronte l’ingresso. Altrimenti si possono comprare i biglietti on line, sul sito ufficiale dell’Elbphilharmonie, ma ho visto che viene applicata una commissione di 2€.

L’ accesso alla struttura è attraverso un lungo corridoio in salita, dove un tapis roulant particolare porta quasi all’ingresso dei teatri. Anziché avere un normale andamento rettilineo, questo tappeto mobile fa come una specie di onda prima di arrivare a destinazione all’ottavo piano. Un’altra breve salita conduce al foyer delle sale e alla terrazza panoramica, il Plaza,  che corre lungo tutto il perimetro dell’edificio. La vista della città che si gode da questo punto privilegiato lascia senza fiato.

Da questa zona si può fare una piacevole passeggiata tra i vecchi magazzini riconvertiti, attraversando antichi ponti su canali ora percorsi da battelli turistici. Oppure si può tornare in centro con la metropolitana o i bus.

IL CENTRO DI AMBURGO

Il centro cittadino è ricco di bellissimi monumenti e palazzi storici sopravvissuti prima ad un grande incendio e poi ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Abili opere di conservazione e ripristino ne hanno restituito il fascino di un tempo.

La piazza del municipio, Rathaus in tedesco, è il cuore della città vecchia, Altstadt. Il municipio è ospitato in un edificio di stile neorinascimentale, costruito sul finire del 1800. Le sue dimensioni sono impressionanti: la facciata misura 111 metri e la torre raggiunge i 112 metri.

Amburgo, Hamburg, Germany, Germania, Rathaus, municipio, torre
La torre del Municipio di Amburgo

Nell’edificio hanno sede anche il Senato e il Parlamento del land di Amburgo. Durante la giornata vengono organizzate diverse visite guidate a pagamento che portano i turisti attraverso le numerose stanze del palazzo, sia nel Parlamento che nel Senato. Non sono previste guide in lingua italiana.

Nelle vicinanze si possono trovare moltissimi negozi di grandi marche di lusso, un paio di grandi magazzini con i marchi più conosciuti e tanti locali dove mangiare e bere.

Con una breve passeggiata si può raggiungere il Memoriale della chiesa San Nicola.

ST NIKOLAI MEMORIAL AD AMBURGO

Costruita poco prima del 1200, questa chiesa divenne cattedrale a tre navate dopo il Grande Incendio del 1842 che la distrusse insieme a gran parte della città. Ricostruita in stile neogotico, nel 1847 fu edificata una torre campanaria di 147 metri. I bombardamenti aerei che sconvolsero Amburgo nel 1943 non risparmiarono neppure questa cattedrale. Si salvarono solo qualche muro perimetrale e la torre campanaria, non completamente distrutta. Grazie a benefattori e donazioni, la torre venne completamente ricostruita, ma decisero di non recuperare l’intera cattedrale, lasciando le rovine superstiti come memoriale delle distruzioni della guerra.

Oggi, un ascensore in vetro raggiunge un belvedere situato a 76 metri all’interno della torre. Da qui si può ammirare un panorama a 360° della città. La vista spazia dalle gru del porto commerciale a sud dell’Elba fino ai quartieri più remoti. Una mostra fotografica mostra alcune viste dall’alto della città prima e dopo i bombardamenti.

Amburgo, Hamburg, Germania, Germany, St Nikolai memorial, Memoriale di San Nicola, panorama, vista, Elba
Vista di Amburgo dall’alto

ALTER ELBTUNNEL (IL VECCHIO TUNNEL SOTTO L’ELBA)

All’inizio del 1900 c’era il problema di velocizzare i collegamenti attraverso le due sponde dell’Elba. A nord risiedevano i lavoratori che dovevano raggiungere i cantieri navali a sud del fiume. Fino ad allora gli spostamenti venivano garantiti da traghetti, ma dal 1911 la situazione cambiò radicalmente.

Amburgo, Hamburg, Elba, Elb, Germania, Germany, tunnel, sorpresa, curiosità
Il vecchio tunnel sotto l’Elba

Vennero infatti costruiti sotto il letto del fiume due tunnel di 426,5m che collegano tutt’oggi le due rive dell’Elba. La particolarità, direi unica al mondo, è che l’accesso ai tunnel è garantito esclusivamente da ascensori!

Non ci sono strade di accesso, solo 5 ascensori per lato (e una scala in metallo da mille mila gradini) che scendono fino a 23,5 metri sotto il fiume. Tre sono adibiti al trasporto di auto, due solo per pedoni e biciclette.

Amburgo, Hamburg, Elba, Elb, Germania, Germany, tunnel, fiume
Gli ascensori del vecchio tunnel

Oggi sono diversi i ponti che scavalcano il fiume e questo tunnel rimane più una attrazione turistica che una essenziale via di comunicazione. Le pareti delle gallerie sono ricoperte da mattonelle celesti. Alcune rilievi in terracotta raffigurano la fauna dell’Elba.

Al termine della passeggiata sotto il fiume, si emerge nel quartiere dei vecchi cantieri navali, dove da un belvedere si può ammirare tutto il profilo di Amburgo.

Dall’altra parte del tunnel, in città, il primo quartiere che si incontra è St Pauli. Un tempo considerato la zona meno desiderabile dove vivere, dal 18° secolo divenne casa dell’attività più antica del mondo. I marinai appena sbarcati correvano in questa area a farsi coccolare da donne che davano loro l’amore in cambio di parte dei guadagni. Ancora oggi è considerato il quartiere a luci rosse, con una strada, in parte protetta da sguardi ingenui, dove donne seminude mettono in mostra il loro corpo.

Amburgo, Germania, St Pauli, xrated, ostello, sexy shop
Un ostello e un sexyshop

IL QUARTIERE ST PAULI

Tra un sexy shop ed un ostello, questo quartiere è il centro della vita notturna. Discoteche, pub, ristoranti in ogni via, i giovani riempiono le strade per tutta la notte. Non manca un enorme area all’aperto, nella Spielbudenplatz, dove si organizzano concerti e djset.

Il Reeperbahn, il quartiere a luci rosse, esercita ancora il suo fascino. Accanto allo storico St Pauli Theater, autorevole teatro di Amburgo, non mancano negozi bizzarri.

Questa area è al centro di un radicale cambiamento, intenzionato a far perdere l’aspetto erotico e popolare della zona, a favore di uno stile di vita più tranquillo.

Nella zona nord del quartiere si respira un’aria più romantica e bohemienne allo stesso tempo. Tra tranquille vie residenziali si trovano negozi di abiti usati, botteghe artigiane e bar caratteristici, dove la colazione tipica tedesca viene servita fino a tardi.

MINIATUR WUNDERLAND

Devo confessare un segreto che non è poi nemmeno tanto segreto. Già in questo post di qualche tempo fa avevo parlato della mia passione per i treni.

Il motivo del mio viaggio ad Amburgo è stato perché la città ospita il più grande plastico ferroviario del mondo.

Amburgo, Germania, Miniatur Wunderland
I trenini di Miniatur Wunderland

Più di 16 milioni di visitatori hanno visitato questa esposizione che si estende su quasi 1500 metri quadrati di superficie. Più di 1000 locomotive trainano i treni sugli oltre 15 km di binari. In oltre 16 anni dall’apertura sono state costruite almeno 9 sezioni con altrettante ambientazioni. Si passa dalla stazione centrale di Amburgo, alla Scandinavia. Austria e Svizzera sono presenti con i loro panorami anche innevati. Non mancano gli Stati Uniti dove i treni attraversano Las Vegas o le rosse montagne del deserto del Nevada.

Anche l’Italia fa bella mostra di sé. La stazione di Roma Termini è capolinea dei nostri treni. C’è Venezia con i suoi canali. I treni passano anche tra le montagne a picco sul mare delle Cinque Terre e della costiera Amalfitana. Il Vesuvio erutta i suoi lapilli mentre un treno sfreccia sul viadotto sopra Pompei.

Tutto è curato fin nei minimi dettagli. E’ proprio questa estrema precisione, quasi maniacale, a far rimanere a bocca aperta. Persone alle finestre, gente che scia, macchine e camion che sfrecciano su autostrade. Persino una nave cargo nelle acque di un fiume. E poi ponti mobili, concerti gremiti di folla, luna park e feste di paese.

Hanno ricreato un aeroporto dove gli aerei atterrano e decollano realmente, macchine di servizio in movimento sulla pista e terminal dove si attestano gli eaeroplani.

MINIATUR WUNDERLAND BY NIGHT

Se l’emozione di fronte a questo spettacolo non bastasse, gli ideatori del parco hanno pensato di creare anche suggestioni notturne. Ogni 15 minuti vengono spente le luci, simulato un tramonto e, grazie a più di 380mila luci led, viene ricreata una perfetta ambientazione notturna. Il Colosseo è illuminato in ogni suo arco, nei piccoli appartamenti vengono accese e spente le luci come nelle case vere. Sui televisori va in onda il tg ripreso nello studio anch’esso in miniatura. Il luna park in scala ridotta ha le sue luci intermittenti e sul palco del concerto le luci stroboscopiche vanno a ritmo di musica.

I treni corrono con i compartimenti illuminati, le macchine hanno le luci di posizione accese e tutto è creato per farti vivere la notte.

Passerei giornate intere a vedere i treni fare su e giù da un ambiente all’altro. Perderei ore intere a controllare ogni singolo particolare di questo immenso plastico.

PERCHE’ AMBURGO

Amburgo è stata una sorpresa sotto moltissimi punti di vista. Una grande città del nord, ben vivibile, con una efficientissima rete di trasporto pubblico. Offre moltissimo al turista curioso, che ama camminare e scoprire le piccole grandi perle che questa città regala.

Merita sicuramente di essere visitata anche solo per un weekend.


 

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.