La prima volta in prima classe

La prima volta in treno

Sono fortunato, devo ammetterlo, ad avere un padre che ha fatto il ferroviere. Grazie ai biglietti gratis in prima classe che tutta la mia famiglia aveva come benefit, ho potuto viaggiare in treno molto più spesso di tanti altri. La prima volta è stata in occasione di un viaggio da Sanremo alla Calabria. Non avevo ancora un anno e di quell’esperienza rimangono solo i ricordi dei miei genitori e dei nonni.

TGV, treno, prima volta
Un treno TGV a Milano Porta Garibaldi

La prima volta su un  treno rapido

Molto più vivide, invece, le emozioni provate quando ero più grandicello e mi capitava di spostarmi tra Sanremo e Milano con i treni rapidi e vetture di prima classe Grand Confort.

Era il lusso su rotaie. Scompartimenti grandi ed accoglienti, gente quasi sempre elegante e civile e finestrini enormi. C’era pure un piccolo armadio dove poter mettere le giacche proprio dietro al sedile. Non parliamo poi dell’aria condizionata, che in quegli anni settanta era proprio un privilegio di pochi treni.

La priva volta su un treno come quello mi ha proprio segnato, perché era veramente un piacere viaggiare in quella maniera lussuosa.

Gli anni ’80

Negli anni ’80 le esperienze si fanno ancora più forti.

E’ stata la prima volta in prima classe con un Pendolino da Milano a Roma. Era il treno di punta ad alta velocità, quello bianco e rosso e col muso bombato, che quando faceva le curve si inclinava quasi a volersi sdraiare. Non c’erano più i larghi scompartimenti dei treni rapidi, ma somigliava molto di più alla cabina di un aeroplano. I sedili erano tutti girati in direzione di marcia, c’erano le hostess che ti davano la salviettina calda appena seduto insieme al drink di benvenuto. Ti portavano poi il vassoio al tuo posto con la colazione, il pranzo o la cena. Era un servizio a cinque stelle e guanti bianchi.

La fine dei viaggi gratis

La pacchia dei viaggi gratis in prima classe sui treni è durata fino a quando non ho compiuto i venticinque anni. Era il 1997 e, fortunatamente, avevo già iniziato a lavorare. E’ stato il momento in cui ho iniziato a cercare il modo per viaggiare in prima senza spendere una fortuna. Mi ero ormai troppo abituato al confort ed ai privilegi per cui era difficile tornare indietro. La diffusione di internet e la possibilità di confrontare prezzi e tariffe, scegliendo tra le migliore offerti del momento, era ancora lontana. Ho iniziato, quindi, ad informarmi presso le agenzie di viaggio dei periodi in cui fosse possibile trovare tariffe più vantaggiose e quando, invece, evitare di fare acquisti.

Gli anni 2000

Con l’inizio del nuovo millennio ho anche iniziato a viaggiare in aereo.

Sebbene le tratte dei voli nazionali non prevedessero più differenze tra economica e prima classe, la business class, i posti delle prime file erano più larghi e confortevoli. Quindi imparai a chiedere sempre quei posti in fase di prenotazione, tanto non costavano, allora, di più. Sfruttavo anche la possibilità di ottenere biglietti omaggio, convertendo i punti dell’Esselunga in miglia Alitalia. Un ottimo modo per continuare a viaggiare gratis.

business class, qatar airways, aereo

Business class Qatar Airways

La prima volta in business class

La vera rivelazione è stata, però, quando per la prima volta ho volato in business class su un volo intercontinentale.

Ne parlerò in un capitolo a parte, perché certe emozioni non si possono raccontare in poche righe.

 

2 risposte a “La prima volta in prima classe”

  1. Felice di sentire i tuoi ricordi.
    Mi fai venire in mente le prime volte che con la mia famiglia venivamo a trovarvi a Sanremo….e tu, tutto orgoglioso e super gasato, ci mostravi i tuoi trenini… e la tua prima ferrovia telecomandata.

    1. Sono contento che tu l’abbia letto e che ti abbia ricordato un momento della nostra infanzia per me ancora molto bello.
      Parlerò ancora di altri ricordi, di bei momenti passati in viaggio e di viaggi che farò, magari insieme a voi (perché anche voi ne avreste di bei racconti di viaggio da fare).
      Ti aspetto ancora qua, prima di rivedervi presto.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.